2017-2018 Parco Leonardo FIRST.

Cari iscritti al Comitato Quartiere Parco Leonardo.

Il CQPL ha fatto molto e non voglio ripetere quanto si sia speso per accreditarsi con il Comune e il Costruttore, per porre sotto il naso di tutti i problemi, per trovare soluzioni e proporle ovunque, per far cambiare decisioni prese in altre a favore del Quartiere.

Questo l’abbiamo potuto fare grazie all’appoggio di chi si è iscritto al CQPL e quindi di tutti voi.

Senza di voi niente di questo sarebbe stato possibile.

Non mi stancherò di dire che Parco Leonardo ancor prima che un Quartiere è uno stile di vita a cui tutti noi abbiamo aderito.

Un progetto di grandi potenzialità che ancora non riesce ad esprimerle forse perché incompreso dal chi l’ha costruito e dal Comune di Fiumicino.

Eppure, manca poco a realizzare una serie di opere che possono veramente cambiare la faccia del Quartiere.

Alcune sono legate al rinnovo della convenzione Comune-Costruttore altre no.

Proviamo a elencarle tutte:

  1. la pista pedo-ciclabile lato Tevere, grazie alla nostra perseveranza, non proseguirà più sul lungo Tevere ma scenderà, come da noi richiesto, sulla via Portuense e cingerà tutti i Complessi di Parco Leonardo (Athena1/2, Polis, Le Pleiadi) per ben due km contribuendo a riqualificare e a rendere usufruibile quel lato della Portuense;
  2. un’altra pista Pedo-Ciclabile dovrebbe chiudere il Quartiere dal lato opposto (via Giulio-Romano sarà finalmente collegata con via del Perugino consentendo di attraversare anche su questo lato tutto il Quartiere;
  3. due nuove rotonde (incrocio via del Perugino – via Portuense, incrocio via Stoccolma – via Portuense renderanno possibile il collegamento della pedo-ciclabile del lungo Tevere con tutto il Quartiere, consentiranno di attraversare la via Portuense intatta sicurezza grazie a dei dossi dissuasori di velocità e di accedere a un’area che complessivamente cuba 40 mt per 2 km che stiamo cercando di far adibire dal Comune a spazio sportivo; la stessa, infatti, potrebbe contenere un campetto di calcio, un’altro per il basket e per la palla a volo, uno per le bocce e perché no forse anche una piscina (fattibilità tutta da verificare); Noi stiamo spingendo in tal senso in modo da evitare che si crei il solito spazio verde non gestito e non manutenuto;
  4. via delle Arti sarà finalmente ristrutturata ma qui ci servono maggiori indicazioni su come questa avverrà e quali benefici offrirà al Quartiere;
  5. La stazione ferroviaria di Parco Leonardo è stato chiesto dal Comitato e dal Sindaco del Comune di Fiumicino dovrà diventare la stazione ferroviari di Fiumicino città ciò anche in funzione del prossimo rilasci del Corridoio C5 che collegherà direttamente il centro di Fiumicino città con la stazione ferroviaria; ne trarranno giovamento tutti i pendolari di Fiumicino città che potranno recarsi alla nostra stazione per prendere il treno e tutti i Residenti di Parco Leonardo che potranno recarsi velocemente a Fiumicino città centro;
  6. il nuovo piano dei trasporti locale (TPL) prevede che un’importante dorsale di comunicazione nord-sud con la zona costiera si snodi presso la stazione ferroviaria di Parco Leonardo per poi dirigersi verso Fiumicino città;
  7. il Comune di Fiumicino acquisirà nell’ambito della convenzione l’attuale parcheggio multi-piano e un altro aperto sarà potenziato sempre nei pressi della stazione in questione;
  8. un albergo è in via di costruzione ed è praticamente attaccato alla stazione di Parco Leonardo e e al Centro Commerciale; da fonte Costruttore questo dovrebbe collegarsi col piano food del Centro Commerciale e dovrebbe essere dotato di un bar che non seguirà gli orari del Centro Commerciali ma quelli dei treni costituendo, quindi, un primo presidio per la stazione;
  9. il rinnovo della convenzione prevede la cessione di alcuni locali destinati a servizi pubblici:
    1. n°3 locali per circa 600 mq in Le Pleiadi da destinarsi alla Scuola Professionale che, quindi, libererà spazi per la scuola media e materna;
    2. n°2 locali da destinarsi a Centro Polifunzionale per ospitare attività sociali, 1 centro anziani, 1 centro amministrativo e di fronte all’aperto un campo di bocce e una sala da ballo (queste ultime cose da vedere); Abbiamo fatto presente che gli spazi sono a nostro avviso inadeguati e che andrebbero ampliati oltre che meglio riposizionati (il centro polivalente dovrebbe affacciare sulla piazzetta e non sulla via in modo da poter posizionare anche dei tavolini all’aperto;
    3. n° 1 locale individuato dal Sindaco in Athena (vicino all’Associazione dei Carabinieri in Pensione) da destinarsi alla Polizia Locale per il controllo del Quartiere; abbiamo chiesto che tutto il Quartiere (Athena 1/2, Polis, Le Pleiadi) sia posto sotto controllo tramite telecamere e che questo possa espletarsi sia presso i nuovi locali in questioni situati in Athena, sia presso il centro di monitoraggio della Polizia Locale attualmente esistente; abbiamo chiestosi al Sindaco che al Costruttore che le Telecamere possa no controllare l’intero Quartiere (vie e piazze) e non solo i varchi di accesso e di uscita integrando il sistema privato in via di costruzione con quello pubblico;
    4. sono stati chiesti dal Sindaco al Costruttore dai 600 agli 800 mq da destinarsi alla ASL per creare un primo presidio sanitario;
  10. l’attuale chiesa provvisoria dovrebbe essere spostata nei parcheggi antistanti e l’attuale zona occupata dovrebbe essere utilizzata per l’oratorio e le attività sociali;
  11. C’è poi da considerare tutta l’area destinata dal progetto originario a parco naturalistico su cui esiste un progetto per creare una cittadella dello sport che dovrebbe comprendere una piscina coperta/scoperta, campi di calcio, basket e palla a volo oltre a parcheggi e verde pubblico; ora, come Comitato, vorremmo che quegli spazi siano resi fruibili per i Residenti al più presto; infatti la realizzazione degli impianti sportivi dovrebbe avvenire attraverso la formula del financial project che ha i suoi tempi; ciò anche in considerazione degli spazi disponibili di 40 mt per 2 km lato Tevere che sarebbero ben accessibili da tutto il Quartiere sia a piedi che in bicicletta.
  12. il CQPL sta inoltre pressando  l’Assessorato all’Ambiente e quello ai Trasporti del Comune di Fiumicino e l’Assessorato all’Ambiente e ai Trasporti del Municipio XI del Comune di Roma (unico interlocutore) per risolvere sia il problema della discarica abusiva di via Roselli Lorenzin sia quello di consentire agli abitanti del Complesso Le pleiadi di accedere alla stazione ferroviaria di Fiera di Roma.
  13. il CQPL sta chiedendo all’Assessorato all’Ambiente del Comune di Fiumicino che si emetta un’ordinanza che obblighi il Comune stesso e i privati a una serie di azioni per proteggere la popolazione del Territorio di Fiumicino dal pericolo, ormai purtroppo conclamato, delle zanzare e degli insetti nocivi nonché dei roditori.
  14. il CQPL sta interagendo con l’Assessorato ai lavori Pubblici del Comune di Fiumicino per richiedere che il Centro Commerciale Da Vinci sia raggiungibile a piedi e in bicicletta;
  15. il CQPL interagisce frequentemente e attivamente col Costruttore per proporre eventi, mercatini, opportunità di sviluppo che consentano di far diventare Parco Leonardo una “piattaforma tecnologica, culturale, artistica e artigianale” (in linea con la strategia del Costruttore); Stiamo provando, a breve, a presentare una proposta per il mercatino di natale e persone interessate a installare una palestra (attività che riteniamo strategica per il Quartiere).

Come facile comprendere , anche se non ci troviamo di fronte al progetto originario proposto, a suo tempo, dal Costruttore, abbiamo un quadro di servizi e di opere di tutto rispetto che porrebbe il nostro Quartiere quantomeno a un buon livello rispetto non solo alle periferie di Roma ma anche rispetto a Quartieri considerati “blasonati”.

Sono allora tutte rose e fiori?

Direi di no.

Quali allora sono i punti critici?

Proviamo a elencarli:

  1. alle ultime informazioni in nostro possesso, esiste una bozza di accordo Comune-Costruttore in cui alcuni punti richiesti dal Comune al Costruttore non sono stati ancora presenti o chiariti;
  2. il CQPL vorrebbe leggere in anteprima la bozza definitiva di accordo che dovrebbe essere firmata in modo da fornire eventuali feedback;
  3. il CQPL vorrebbe leggere anche il crono-programma che dovrebbe essere firmato per verificare ex-ante i tempi di attuazione previsti;
  4. il CQPL vorrebbe affiancare il Comune di Fiumicino nell’opera di controllo degli stati di avanzamento:
    1. dei rilasci degli spazi da destinarsi ai pubblici servizi;
    2. dell’attivazione dei servizi previsti per detti spazi;
    3. della realizzazione delle opere pubbliche previste dalla convenzione;
  5. Lo SPIGES in tutto questo non può non erogare i servizi perché sarebbe in controtendenza rispetto a un processo che sta cercando di fermare il degrado e rilanciare il Quartiere; stiamo chiedendo a viva voce che il Costruttore intervenga per riorganizzarlo e ristrutturarlo.

C’è quindi molto da fare per il 2017-208 e forse per il 2019 ma con tutto quello che abbiamo in cantiere più altre iniziative che stiamo portando avanti riteniamo che Parco Leonardo possa uscire dalla situazione attuale e riscattarsi a pieno titolo.

Ho battezzato questa iniziativa Parco Leonardo FIRST per indicare che il CQPL, date le sue risorse ridotte, dovrà concentrarsi soprattutto su quanto precedentemente esposto anche tralasciando situazioni correnti.

Occuparsi di Parco Leonardo significa farlo sì ma con le prestabilite priorità altrimenti si rischia di frammentare le forse e vanificare i risultati e questo non credo lo voglia nessuno nell’interesse del Quartiere.

Scusate quindi se saremo meno attenti a problematiche spicce ma ci sono cose troppo importanti da portare avanti.

Grazie per l’attenzione.

Marval

Print Friendly, PDF & Email
Condividi su:
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone