Da dove ripartiamo?

Il CQPL riapre i lavori.

Ci attende un anno 07/2017-07/2018 di duro lavoro come, del resto, lo è stato l’anno 07/2016-07/2018 appena passato.

Il rinnovo della convenzione Comune-Costruttore potrebbe portare alla realizzazione di molte opere necessarie per Parco Leonardo.

Per chi non fosse stato presente il 14/07/2017 all’Assemblea tenuta dal Sindaco di Fiumicino in piazza Michelangelo Buonarroti e volesse ascoltare con le proprie orecchie ciò che hanno dichiarato il Sindaco e gli Assessori del Comune di Fiumicino e il Rappresentante del Costruttore Presidente dello SPI, forniamo, a seguire i link dei filmati realizzati dal Responsabile foto-video del CQPL:

  1. https://www.youtube.com/watch?v=GYwO8ymMgUk
  2.  https://www.youtube.com/watch?v=hVMG7EehP8E

Da dove vogliamo ripartire?

Proprio da quanto ci è stato detto e promesso.

Ci è stato raccontato molto dal Sindaco durante l’Assemblea del 14/07/2017 e tutto è stato avallato dal Presidente dello SPI.

Tutto a posto allora?

Non è così.

Per ora di scritto, a quanto ci è stato riferito, c’è una bozza d’accordo.

Sia chiaro, non è poco.

In base a quanto ci è stato esposto, abbiamo verbalizzato il tutto, abbiamo discusso e ragionato e abbiamo prodotto una lista di chiarimenti a cui Comune e Costruttore auspichiamo che diano risposta impegnandosi a chiarire per iscritto ed a realizzare tutto ciò che è stato promesso e da noi richiesto.

E’ un interesse di tutti che Parco leonardo decolli.

Solo attraverso il rilancio del Quartiere il Comune di Fiumicino potrà creare un nuovo volano occupazionale sul territorio e il Costruttore potrà ricominciare a vendere ed a costruire nuovi moduli abitativi.

Per fare ciò è fondamentale che il Costruttore comprenda che certi servizi legati alla sicurezza, alla salute, al sociale, alla scuola, allo sport, ecc. sono la chiave per far ripartire Parco Leonardo e quindi il business e l’occupazione.

Oggi non si vende più solo un’unità immobiliare ma un progetto di vita.

Questo è stato fatto all’inizio ed ha decretato il successo di Parco Leonardo per poi essere disatteso e quindi portare all’attuale situazione che è sotto gli occhi di tutti.

Nulla è perduto ma il percorso da affrontare è ancora tutto in salita e pieno di ostacoli.

Abbiamo già inviato un’email a tutti gli attori coinvolti in questo fondamentale processo di restart di Parco Leonardo.

Sinteticamente in questa chiediamo che:

  1. siano accolte le nostre richieste, ivi formulate, nel bene del Quartiere e nell’interesse del Comune, del Costruttore, degli Operatori Commerciali e, non da ultimi, dei Residenti;
  2. ci sia fatta leggere preventivamente la bozza di accordo attuale e tutte le versioni successive;
  3. siano discusse preventivamente a qualsiasi deliberazione le nostre considerazioni di scopo e di merito;
  4. sia deliberato un atto di rinnovo della convenzione chiaro, circostanziato e ben definito nella descrizione degli spazi da concedere e nelle opere da realizzare nonché nei tempi di attuazione;
  5. ci sia data la possibilità di controllare insieme al Comune quanto definito come obiettivi da raggiungere.

Proprio nell’ottica di massima collaborazione abbiamo messo a disposizione del Comune un Gruppo di Lavoro, appena costituito, avente come missione il monitoraggio del corretto conseguimento degli obiettivi (rilasci/opere).

Questo si compone di persone che nella loro vita professionale hanno svolto, per lungo tempo, anche mansioni di Project Manager.

Tutto senza alcun onere per il Comune o per il Costruttore.

Tutto nell’esclusivo interesse di Parco Leonardo.

Già da lunedì scorso, ci siamo riuniti ed abbiamo affrontato con il Gruppo di Lavoro competente i temi della discarica di via Roselli Lorenzin, delle stazioni ferroviarie di Parco Leonardo e di Fiera di Roma e quello dell’estensione della corsa dell’Autobus ATAC 808 al complesso Le Pleiadi in modo da consentire il collegamento con la stazione ferroviaria di Fiera di Roma.

A tale scopo, abbiamo richiesto un incontro con l’Assessore all’ambiente ed ai trasporti del Municipio XI del Comune di Roma auspicando che, come sta già avvenendo per la discarica abusiva di via Roselli Lorenzin, detto Municipio collabori insieme all’Assessorato ai Trasporti del Comune di Fiumicino.

In questo, la nostra caratteristica di essere apartitici e lontani da interessi personali ci facilita nel nostro ruolo di propositori e di mediatori.

In parallelo, ci stiamo muovendo per sottoporre al Responsabile delle Piazze Organizzazioni che possono proporre mercatini di livello e di qualità e potenziali investitori per dotare il nostro Quartiere di servizi.

Prossimo obiettivo è organizzare un mercatino di Natale di livello pari se non superiore a quello dei primi anni.

Ci riusciremo? Non lo sappiamo ma ce la stiamo mettendo tutta.

Al Comune chiederemo come stia procedendo il progetto della Cittadella dello Sport.

La nostra opinione è che la formula del project financing è sicuramente moderna e interessante, non sappiamo quanto questa possa consentire di ottenere, a breve, dei risultati.

Per tale motivo, abbiamo chiesto e chiederemo delle previsioni al Comune perché se i tempi fossero troppo lunghi si rischierebbe d’immobilizzare una grande area che originariamente era prevista ad uso parco naturalistico.

Ciò anche in considerazione del fatto che nell’accordo Comune-Costruttore si prevede di realizzare la pista pedo-ciclabile sulla via Portuense lato Tevere per tutta l’estensione di Parco Leonardo (Athena-Polis-Le Pleiadi) ovvero per circa 40 mt x 2.000 mt = 80.000 mq.

Un’area molto vasta che se si dotasse di impianti per il calcio, la pallavolo, il basket, il tennis, la piscina (quest’ultima probabilmente di difficile realizzazione considerando i vincoli esistenti) contribuirebbe notevolmente alla riqualificazione della via Portuense lato Tevere e quindi di tutto il Quartiere ed mitigherebbe notevolmente il problema per cui i ragazzi, non avendo spazi idonei adibiti occupano ed usano impropriamente le piazze.

Quest’area, con le nuove rotonde che abbiamo richiesto (incrocio via del Perugino – via Portuense, incrocio via Stoccolma – via Portuense), sarebbe facilmente accessibile da tutti i complessi di Parco Leonardo (Athena 1/2, Cerere, Polis, Le Pleiadi).

Da quanto detto, considerando che le cose a cui abbiamo accennato non sono tutte, è facile rendersi conto dell’opera svolta e di ciò che dovrà fare il CQPL.

E’ nostra intenzione, inoltre, confrontarci al più presto con tutte le Associazioni che operano a Parco Leonardo e con la Parrocchia e la Scuola e fare rete, ove possibile, sempre nell’ottica di migliorare e sviluppare il Quartiere.

Oggi ci siamo incontrati con l’Assessore ai Servizi Sociali e Sanitari, Sport, Scuola e Infanzia.

Sono stati affrontati vari temi e nei prossimi giorni pubblicheremo, come di consueto, la nostra relazione.

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi su:
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone